eventi
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

MACFRUT 2021
Rimini
4-6 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

TUTTOFOOD
Milano 
17-20 Maggio 2021
MACFRUT DIGITAL 
Online
28-30 Settembre 2021 

leggi tutto

Arvensis giovedì 29 ottobre 2020


«Come incrementare consistenza e conservabilità dei frutti»

Arvensis è un'azienda Spagnola (www.arvensis.com) con unità produttiva a Saragozza, specializzata nella nutrizione vegetale e sta approcciando anche il mercato italiano con fertilizzanti innovativi, frutto di collaborazioni tra il proprio team interno, università e centri di ricerca in Spagna e nel mondo. Arvensis è rappresentata in Italia dalla 2A 1901, azienda di Ferrara guidata da Carlo Stagni, agrotecnico con una lunga esperienza nella produzione ortofrutticola e commercializzazione di mezzi tecnici. Proprio l'ortofrutta è il core business di Arvensis, con un paniere di fertilizzanti organo minerali, biostimolanti, induttori di resistenza, dalla formulazione caratteristica, un alleato delle strategie di nutrizione per soddisfare le diverse esigenze dei produttori.



Arvensis, fondata nel 1998, opera in 54 nazioni a livello globale, in Italia è presente da tre anni grazie al lavoro della 2A 1901. “Stiamo sviluppando una rete vendita più capillare possibile – spiega a Italiafruit News Carlo Stagni – aprendo a collaboratori e coinvolgendo punti vendita per promuovere i diversi fertilizzanti di Arvensis, dagli organici e minerali, agli acidi umici, dai prodotti a base di alghe ai microelementi di tutti i tipi. La nostra offerta è particolarmente indicata per la fertirrigazione, quindi orticoltura con pomodoro, lattughe, anche quelle destinate alla IV Gamma. Abbiamo poi linee che trovano un importante impiego nelle pomacee, drupacee, nell'uva da vino e da tavola”.

Tra i formulati con cui Arvensis si presenta sul mercato italiano c'è Cripthum. “E' una sospensione liquida concentrata (40%) di acidi umici e fulvici microincapsulati, completamente attiva ed estratta da leonardite naturale accuratamente selezionata, la cui principale caratteristica differenziante rispetto agli altri ammendanti umici in commercio è il pH acido – spiega Stagni – Grazie a questa particolare microincapsulazione Cripthum è miscibile con amminoacidi, acido solforico, nitrico, fosforico ecc.. e si può somministrare in aggiunta ad altri interventi per via radicale. Cripthum migliora la struttura dei terreni, in particolare di quelli stanchi e mineralizzati, e favorisce il rilascio dei nutrienti, stimolando la capacità di ritenzione del suolo e consentendo uno sviluppo più equilibrato della pianta, migliorando così le rese”.

Con Triamin Plus, invece, Arvensis propone una soluzione per evitare possibili carenze grazie a un formulato che si caratterizza per l'alto titolo di amminoacidi liberi (21%), tutti di origine vegetale e con l'aggiunta di microelementi fondamentali (boro, rame, ferro, manganese, molibdeno e zinco). “Triamin Plus ha soprattutto un'alta concentrazione di glicina e acido glutammico – fa presente il rappresentante di Arvensis in Italia – Può essere applicato quando la pianta è in situazioni critiche, dopo uno stress termico o idrico ad esempio, fornendo un input veloce e stimolando una pronta reazione”.



Per prevenire fisiopatie legate alla carenza di calcio, invece, Arvensis ha sviluppato Gelyflow-Ca, una sospensione concentrata di carbonato di calcio: un'arma per contrastare la butteratura amara nelle mele, il cracking negli agrumi e nelle ciliegie, la necrosi apicale del pomodoro e nel peperone e altre patologie. “Il formulato ha un alto titolo di ossido di calcio al 35% e durante la fase fenologica, nei momenti più sensibili, può trovare impiego sia sulle frutticole che sulle orticole. Il prodotto contiene alcuni speciali coadiuvanti che conferiscono elevata stabilità e ne migliorano l'efficacia – conclude Carlo Stagni - svolge un ruolo nella correzione del ph del suolo, migliorandone la struttura, mentre incrementa la consistenza e la conservabilità dei frutti, con riflessi positivi anche sulla shelf-life della produzione finale”.

Copyright 2020 Italiafruit News


Maicol Mercuriali
Editor - Social Media Manager
maicol@italiafruit.net

Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: