eventi
IPM ESSEN 2020
Essen (Germania)
28-31 Gennaio 2020
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
FRESKON 2020
Salonicco (Grecia)
2-4 Aprile 2020

MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

lunedì 10 settembre 2018


Bandiera: «No ad altri accordi a favore di Paesi extra-Ue»

“Siamo allerta e pronti, in perfetta sintonia con il mondo produttivo siciliano, a compiere ogni iniziativa che è nelle nostre facoltà per stoppare l’ipotesi di eventuali ulteriori accordi a favore di Paesi extraeuropei dell’area mediterranea che vadano a discapito della nostra agricoltura”. Lo dichiara l’Assessore per l’Agricoltura della Regione Sicilia, Edy Bandiera, dinanzi alla notizia di una possibile imminente missione in Egitto del Commissario europeo per l’Agricoltura, Phil Hogan, per la verifica dei rapporti commerciali tra Ue ed Egitto. “Ritengo invece che questa debba essere l’occasione per rivedere quelli già esistenti e richiedere al Commissario maggiori garanzie a tutela delle nostre produzioni – rincara Bandiera – in particolar modo per gli agrumi e gli ortaggi e le altre produzioni in generale provenienti da Egitto, Marocco e Sudafrica che, in alcuni di questi paesi presentano problematiche fitosanitarie, fortunatamente non ancora presenti in Sicilia”.

In alcuni di questi paesi sono infatti presenti “malattie da quarantena” come il citrus blck spot o l’huang long bing che se dovessero arrivare in Sicilia comporterebbero danni economici  gravissimi per l’agrumicoltura. “Ritengo assolutamente necessario che al Commissario europeo
giungano tutte le nostre richieste per evitare che un’ennesima concessione a favore di Paesi terzi, dove peraltro sussistono enormi differenze negli standard relativi alla sicurezza sui luoghi di lavoro e al salario percepito dai lavoratori rispetto al nostro, danneggi la nostra economia e metta seriamente a rischio la sicurezza dei consumatori  a causa dell’utilizzo di fitofarmaci e principi attivi, da noi banditi da svariati anni”.

Fonte: Assessorato Risorse agricole e alimentari Regione Sicilia


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: