eventi
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
SIMPOSIO MONDIALE DELLE CAROTE
York (Regno Unito)
4-7 Ottobre 2021 

leggi tutto

lunedì 9 settembre 2013


UVA DA TAVOLA DEL METAPONTINO, QUALITA' ECCELLENTE MA LE QUOTAZIONI ALL'ORIGINE RIMANGONO BASSE

E’ sempre il prezzo basso all’origine il problema maggiore per i viticoltori dell’uva da tavola del Metapontino: le varietà apirene vengono quotate tra i 70 e i 90 centesimi al kg; la “Palieri” tra i 35 e i 45 centesimi al kg. A riferirlo è la Cia-Confederazione  Italiana Agricoltori della Basilicata sottolineando, tuttavia, che la produzione regionale di uva da tavola rappresenta solo l’1,4% della produzione complessiva italiana, con 177 mila quintali, ed è concentrata quasi esclusivamente in provincia di Matera (805 ettari su un totale di 855 ettari).
La qualità è considerata “eccellente” al punto da penetrare nei mercati maggiori delle grandi città del Centro-Nord Italia ed in alcune capitali europee. "Anche per questa annata – sottolinea Paolo Carbone, responsabile dell’Ufficio Economico della Cia – i nostri produttori sono alle prese con la competizione europea. In particolare, le produzioni italiane si trovano in difficoltà per la concorrenza spietata nei prezzi di uva greca e spagnola. In termini di gusto, presentazione estetica e confezionamento, le nostre uve si distinguono in meglio anche se scontiamo per l’export i noti problemi infrastrutturali e di collegamento con i maggiori mercati ortofrutticoli".
"Naturalmente il calo dei consumi in generale di frutta fresca – continua Carbone – incide notevolmente. E’ ormai tendenza del consumatore acquistare dal fruttivendolo un solo un grappolo di uva per volta. Inoltre, con la crisi oltre una famiglia su tre torna a fare la ‘scorta alimentare’ come ai tempi di guerra e aumenta il tempo dedicato alla spesa. Dopo anni di dispense minime e acquisti quotidiani o settimanali, la necessità di risparmiare allunga i tempi davanti allo scaffale del supermercato, con il 65 per cento degli italiani che compara i prezzi con molta più attenzione rispetto al passato".
Più in dettaglio, il fenomeno dell’accumulo delle scorte riguarda il 34 per cento delle famiglie, che approfittano delle sempre più numerose “offerte speciali” per spendere di meno, soprattutto sui prodotti a media e lunga conservazione. D’altra parte - ricorda la Cia - dal 2008 ad oggi le promozioni nella Gdo sono cresciute sia in termini di pressione (+9 per cento) che di profondità dello sconto (più che quintuplicati i “tagli” di prezzo superiori al 40 per cento).
Per quanto riguarda la possibile evoluzione del mercato di uva da tavola nelle prossime settimane, risulta difficile fare previsioni. Tutto dipenderà dall'andamento climatico e da come esso influenzerà la domanda. I produttori stanno già immagazzinando uva nelle celle frigorifere per prepararsi ad affrontare le prossime variazioni di mercato.

Fonte: Il Metapontino


Altri articoli che potrebbero interessarti: