eventi
IPM ESSEN 2020
Essen (Germania)
28-31 Gennaio 2020
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
FRESKON 2020
Salonicco (Grecia)
2-4 Aprile 2020

MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

venerdì 25 novembre 2016


Azionisti Monsanto, causa contro la vendita a Bayer

Prima causa collettiva contro il takeover dell'anno, quello della statunitense Monsanto da parte del gigante della chimica Bayer. Alcuni azionisti del colosso delle sementi hanno presentato un ricorso al tribunale di St. Louis, nel Missouri (dove ha sede il quartier generale degli americani), per opporsi all'acquisto dei tedeschi.

Il consiglio di amministrazione, questa l'accusa, avrebbe acconsentito a cedere l'azienda ad un prezzo non adeguato: 128 dollari per azione sarebbe stato troppo poco. Va ricordato che si trattava di una cifra ben al di sopra del prezzo di mercato, e rinegoziata al rialzo per due volte. Monsanto sarà ceduta per 66 miliardi di dollari.

Gli azionisti in rivolta accusano il board, in sostanza, di aver accettato l'affare soltanto per garantirsi un profitto personale, garantito dalle opzioni sulle azioni. L'amministratore delegato di Monsanto, Hugh Grant, si sarebbe messo così in tasca oltre 75 milioni di dollari. Di più: i vertici avrebbero nascosto agli azionisti dettagli importanti della trattativa. L'azienda ha fatto sapere di ritenere le accuse infondate.

Fonte: www.lamescolanza.com


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: