eventi
MACFRUT  DIGITAL

8-10 Settembre 2020
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020
CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

giovedì 29 giugno 2017


Mare o montagna, i sei frutti che non possono mancare

Le vacanze si avvicinano, ma è comunque possibile essere attenti al benessere anche nei momenti di relax e divertimento. Come? Con "partner" come betacarotene, mirtillina e citrullina, portandosi in spiaggia e nelle passeggiate in montagna la frutta di stagione più indicata. Caldo e stanchezza, così, non saranno più un problema per grandi e piccini. Cosa scegliere? Ecco i consigli del nutrizionista e tecnologo Giorgio Donegani, esperto di Fruit24, il progetto promosso da Apo Conerpo e co-finanziato dall'Unione europea e dal ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali per promuovere il consumo di frutta e verdura sulle tavole degli italiani.

In spiaggia con albicocca, anguria e pesca: pelle protetta e abbronzata, stop alla sete e pieno di energia
L'albicocca è una vera miniera quanto a contenuto di betacarotene. "Si tratta di un antiossidante - spiega Donegani - un precursore della vitamina A. L'organismo umano è capace di trasformare il betacarotene in vitamina A secondo i propri bisogni, senza alcun rischio di accumulo. Il betacarotene, inoltre, può agire direttamente come antiossidante, stimolando la produzione della melanina". Ciò significa abbronzatura più facile e migliore resistenza della pelle allo stress dei raggi solari.

L'anguria contiene più acqua dell'aranciata: addirittura il 95%. Logico, quindi, che sia tra i frutti più dissetanti e rinfrescanti, una vera e propria bevanda "solida", utilissima per mantenere il giusto grado d'idratazione anche sotto il sole, in spiaggia. "Nonostante il sapore dolce - aggiunge il nutrizionista - l'anguria contiene una piccola quantità di zuccheri (nemmeno 4 grammi per un etto di frutta) ed è poco calorica. E' ricca, inoltre, di un'elevata quantità di citrullina, un aminoacido che, al di là del suo nome, è utile per la divisione cellulare, la cicatrizzazione delle ferite e lo smaltimento dell'ammonio dal corpo".

La pesca si segnala anch'essa per l'alto contenuto di acqua che ne fa uno dei frutti più rinfrescanti. La sua leggera acidità le conferisce, inoltre, proprietà stimolanti delle secrezioni gastriche, rendendola utile per favorire la digestione. Quanto a vitamine e sali minerali, non mancano di certo, a completare un identikit di tutto rispetto.

Passeggiata in montagna: ecco i tre frutti che non devono mai mancare nello zainetto
La prugna ha un profilo che la identifica come un frutto tonificante, perfetto per un pieno di energia in montagna ed è anche depurativo, utile per eliminare le scorie prodotte dall'attività fisica. "La prugna - prosegue Donegani - contiene una buona quantità di zuccheri, vanta una discreta presenza di fibra, molta acqua e praticamente è senza grassi. In più vanta due virtù di salute particolari: l'alta quantità di pigmenti antiossidanti (nelle prugne rosse) e la capacità di fungere come buon lassativo, regolatore delle funzioni intestinali".

I mirtilli che si possono raccogliere anche allo stato selvatico, direttamente nel bosco, sono ricchi di vitamina C e devono il loro colore scuro alla presenza di antociani (il più noto è quello che si chiama mirtillina). "Si tratta di pigmenti - chiarisce il tecnologo - che svolgono un'azione molto positiva sul nostro organismo, migliorando la sensibilità della retina e sono d'aiuto nella cura dei disturbi circolatori come vene varicose, fragilità capillare, emorroidi".

Il melone, ricco com'è di potassio (ne ha più della banana), è un ottimo remineralizzante e tonico muscolare. "Quanto al patrimonio vitaminico - precisa Donegani - contiene molta vitamina A, un'ottima quota di vitamina C e quantità significative di vitamine del gruppo B, perfette per ottimizzare la produzione di energia. In più fornisce adenosina, un composto che aiuta a mantenere fluido il sangue e rende il melone perfetto anche per i nonni".

Con Fruit24 mamme, giovani, adulti, sportivi, studenti possono trovare ricette semplici, fantasiose, elaborate o ricercate, in base alle proprie necessità. Dagli antipasti ai piatti unici, dalle zuppe ai secondi: frutta e verdura permettono innumerevoli combinazioni, anche per realizzare preparazioni insolite e meno utilizzate come snack, merende, insalate e pasti leggeri. Per servire in tavola in ogni momento della giornata i colori, i sapori, i profumi della frutta e della verdura Fruit24 rappresenta l'alleato ideale per tutti. Tante idee per tutte le ore, ma non solo: Fruit24 è il punto di riferimento per conoscere i valori nutritivi di frutta e verdura, permettendo a tutti i consumatori di comprendere che frutta e verdura sono alimenti freschi, naturali, facili da usare, piacevoli e convenienti, in linea con le più moderne tendenze alla prevenzione e al benessere.  E' sempre l'ora di frutta e verdura!

Sito web: www.fruit24.it
FRUITBLOG24: http://www.fruit24.it/fruitblog24/
Facebook: https://www.facebook.com/Fruit-24-246950442339334/

Fruit 24
Il progetto Fruit 24 ha un respiro triennale (2016-19) ed è idoneo per trasmettere e consolidare uno stile di consumo improntato al benessere, in particolar modo presso i nuclei familiari più giovani, ovvero quelli che possono educare i figli all'importanza e al piacere di una alimentazione ricca di frutta e verdura.


Apo Conerpo
Il gruppo ortofrutticolo Apo Conerpo è attivo sull'intera filiera e grazie alle più moderne tecniche agronomiche assicura sui suoi prodotti le massime garanzie di freschezza, sapore e grado di maturazione. Questi i suoi numeri: 6.700 produttori ortofrutticoli, riuniti in 44 cooperative distribuite nelle regioni ortofrutticole più vocate d'Italia, 30mila ettari coltivati ,oltre un milione di tonnellate di frutta e verdura commercializzate ogni anno, 89 strutture di lavorazione e due milioni di metri cubi di impianti di conservazione. Da più di 20 anni utilizza il modello produttivo della produzione integrata, un insieme di pratiche agronomiche che consentono di ridurre e razionalizzare l'impiego di mezzi chimici, applicare metodi a basso impatto ambientale e al contempo ottenere prodotti di elevata qualità e alta redditività , conciliando così un'agricoltura tra le più intensamente produttive d'Europa con la salvaguardia dell'ambiente e la salute dei consumatori.

Fonte: Ufficio stampa Apo Conerpo




Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: