eventi
MEDFEL
Perpignan (Francia)
24-26 Aprile 2018

FRESKON
Salonicco (Grecia)
26-28 Aprile 2018
CIBUS 2018
Parma
7-10 Maggio 2018
MACFRUT
Rimini
9-11 Maggio 2018

CHINA FRUIT LOGISTICA
Shanghai (Cina)
14-16 Maggio 2018
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong-Kong (Cina)
5-7 Settembre 2018
WORLD FOOD MOSCA
Mosca (Russia)
17-20 Settembre 2018
FRUITTRADE
Santiago (Cile)
3-4 Ottobre 2018
PMA FRESH SUMMIT
Orlando (Usa)
18-20 Ottobre 2018
FRUIT ATTRACTION
Madrid (Spagna)
23-25 Ottobre 2018
EIMA INTERNATIONAL
Bologna
7-11 Novembre 2018

leggi tutto

martedì 14 novembre 2017


Contrasto al caporalato, nel Cesenate nasce un Osservatorio

La lotta al lavoro nero e l’impegno per la legalità sono stati i temi al centro del confronto fra Amministrazione comunale di Cesena e sindacati: nel corso della riunione si è sottoscritto un verbale di confronto che sancisce l’impegno comune fra le parti a difesa della legalità e istituisce l’Osservatorio cesenate per il contrasto al lavoro nero ed al caporalato.  

Punto di partenza è stata l’analisi della situazione attuale, particolarmente preoccupante: secondo l’Istat sono 3 milioni e 667mila le persone coinvolte in forme di lavoro irregolare; guardando alla distribuzione settoriale, è il comparto dei servizi alle persone a registrare un tasso di irregolarità inquietante (47,4%), seguito dall’agricoltura (17,5%) e dalle attività legate a commercio, trasporti, magazzinaggio, alloggio e ristorazione (16,5%). E purtroppo, sempre più spesso, si sta evidenziando la presenza di forme di lavoro nero, regolate da un sistema organizzato di “caporalato”.

La Romagna ed il Cesenate non sono immuni da questo problema (soprattutto nel settore agricolo, zootecnico e relativi appalti), nonostante la grande attenzione della Guardia di Finanza per il contrasto al lavoro nero ed al caporalato nel nostro territorio, e l’impegno di denuncia dei Cgil, Cisl e Uil a fianco dei lavoratori. Già sono state intraprese azioni specifiche:  è istituito un apposito tavolo in Prefettura, mentre a livello locale è attivo il servizio “Oltre la strada”.

L’Osservatorio si riunirà almeno con cadenza trimestrale e dovrà predisporre un Piano di attività annuale utile alla promozione di una cultura diffusa della legalità, all’avvio di apposite campagne informative e ad una campagna di sensibilizzazione, rivolta soprattutto verso le aziende agricole e della zootecnia, relativa alla nuova legge, ai rischi penali cui si va incontro utilizzando queste forme di lavoro, sui pericoli di inquinamento malavitoso della economia territoriale e sul dumping contrattuale, che penalizza le aziende sane che invece operano, nel rispetto delle norme e dei contratti nazionali di lavoro.

Per parte propria, il Comune di Cesena, già nell’ambito del bilancio di previsione 2018, garantirà all’Osservatorio una dotazione finanziaria annuale di 10mila euro, utile all’avvio delle attività istituzionali dello stesso.

Fonte: Ufficio stampa Comune di Cesena


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: