eventi
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong-Kong (Cina)
5-7 Settembre 2018
WORLD FOOD MOSCA
Mosca (Russia)
17-20 Settembre 2018
FRUITTRADE
Santiago (Cile)
3-4 Ottobre 2018
PMA FRESH SUMMIT
Orlando (Usa)
18-20 Ottobre 2018
FRUIT ATTRACTION
Madrid (Spagna)
23-25 Ottobre 2018
EIMA INTERNATIONAL
Bologna
7-11 Novembre 2018

leggi tutto

mercoledì 31 gennaio 2018


Il pomodoro siciliano si prepara per il Canada

Dopo la recente approvazione delle procedure per l’export degli agrumi siciliani in Cina, anche il pomodoro fresco “Made in Sicily” si affaccia nei Paesi extra-Ue. In Canada, nello specifico.

È stato, infatti, pubblicato ieri sul sito dell’Assessorato dell’Agricoltura della Regione Sicilia l’avviso pubblico rivolto alle aziende interessate all’esportazione dell’ortaggio da consumo fresco.

Si riapre così il flusso commerciale interrotto anni fa per prevenire l’introduzione nel Paese nord-americano della Tuta absoluta, insetto considerato da quarantena dalle autorità fitosanitarie canadesi e largamente diffuso in Italia e in Sicilia. Tale decisione prevede che l’Italia possa esportare solo a condizione che la coltivazione di pomodoro sia condotta secondo un sistema (System Approach) in grado di ridurre il rischio di introduzione del parassita.

“In un momento di crisi come quello che sta attraversando in questi giorni il comparto dell’ortofrutta in Sicilia, l’export extra-Ue può rappresentare un grande volano per le aziende siciliane che puntano su tipicità e qualità del prodotto – afferma l’assessore Edy Bandiera – Contiamo di concludere la trattativa entro questa campagna commerciale o, al massimo, entro l’inizio della prossima”.

Le aziende interessate a intraprendere la commercializzazione di questo prodotto potranno manifestare il proprio interesse (inviando la lettera di adesione presente sul sito) al Servizio fitosanitario regionale, entro il 12 febbraio 2018, che avrà cura di coordinare le procedure tecniche, nonchè le attività di visita della delegazione degli ispettori canedesi.

Copyright 2018 Italiafruit News


a cura della Redazione

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: