eventi
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

martedì 15 ottobre 2019


Danni da cimice: la Bcc finanzia con 20 milioni

La Bcc ravennate forlivese e imolese, Coldiretti Emilia Romagna e EmilBanca hanno siglato un accordo da 20 milioni di euro per finanziarie a tasso agevolato le imprese agricole danneggiate.
Quattro anni di tempo per recuperare dai danni della cimice asiatica che questa estate ha colpito duramente le principali culture frutticole del nostro territorio.

L’accordo, siglato giovedì mattina presso la sede regionale Coldiretti, prevede un plafond di 20 milioni di finanziamenti a tasso agevolato di durata fino a 48 mesi e la possibilità di pagare la prima rata di capitale a 12 mesi dall’erogazione.

L’obiettivo dell’accordo formalizzato da Coldiretti e le Bcc è quello di affiancare l’intervento già proposto dalla Regione Emilia Romagna, che ha deliberato un contributo per l’abbattimento del tasso sui finanziamenti a breve termine.
Per semplificare l’accesso al credito la valutazione dei danni o del mancato guadagno causato dalla perdita del raccolto avverrà sotto forma di autocertificazione che l’azienda agricola farà convalidare alla Coldiretti Provinciale. Le domande andranno presentate direttamente agli sportelli della Bcc ravennate forlivese e imolese (o EmilBanca per le province emiliane) entro il 30/06/2020.

Soddisfazione per l’accordo è stata espressa dal Presidente de La Bcc Secondo Ricci: “La Bcc ha aderito a questo progetto della Coldiretti Regionale assieme alle Province di Ravenna, Forlì-Cesena e Bologna per essere di supporto agli agricoltori che stanno subendo ingenti danni alle produzioni derivanti dalla diffusione della cimice asiatica. Si tratta di una problematica che avrà conseguenze anche nei prossimi anni. Pertanto è necessario agire immediatamente per arginare e ridimensionare questo flagello che si sta progressivamente diffondendo a tante colture.”


Fonte: labcc.it


Leggi altri articoli su:

Bcc

Altri articoli che potrebbero interessarti: