eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

martedì 12 maggio 2020


Spagna, vendite di ortofrutta cresciute a doppia cifra

Anche in Spagna l'emergenza ha bloccato numerosi settori produttivi ma non quello dell’ortofrutta. Durante l’emergenza le vendite di frutta e verdura fresca e trasformata hanno registrato una crescita a doppia cifra, in aumento rispettivamente del 66,1% e del 70,5%, mentre gli acquisti di legumi sono aumentati del 77,2%.
A riportare questi dati la testata online Fruitnet.com, secondo le informazioni raccolte da una ricerca commissionata dal Ministero dell’agricoltura, della pesca e dell’alimentazione spagnolo che, a partire dai Qr code dei prodotti venduti, ha analizzato il consumo interno di 12.500 famiglie nella sedicesima settimana (13-19 aprile 2020). 



A beneficiare del blocco non è stata solo l’ortofrutta ma l’intero settore alimentare, le cui vendite sono cresciute in totale del 50,6%. Ad influire su questi aumenti anche la chiusura di bar e ristoranti, generalmente molto frequentati nella settimana di Pasqua, periodo nel quale è stata realizzata la ricerca. 

La crescita maggiore per le vendite si è registrata sui portali online, dove gli acquisti sono aumentati di oltre il 200% rispetto allo stesso periodo del 2019. Segno che, come è successo anche in Italia, sono tante le persone ad essersi approcciate per la prima volta a questo nuovo canale, rimanendone in molti casi soddisfatte.

Al di là dell’online, in Spagna i canali di acquisto preferiti sono stati i supermercati e i negozi di quartiere tradizionali che hanno visto aumentare gli acquisti  rispettivamente del 53,2%e del 63%. Anche i discount e gli ipermercati sono cresciuti rispettivamente del 40,4% e del 32%.

Copyright 2020 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: