eventi
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

MACFRUT 2021
Rimini
4-6 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

TUTTOFOOD
Milano 
17-20 Maggio 2021
MACFRUT DIGITAL 
Online
28-30 Settembre 2021 

leggi tutto

martedì 20 ottobre 2020


Moria del kiwi, Piemonte soddisfatto per gruppo nazionale

L’assessore all’agricoltura e cibo della regione Piemonte, Marco Protopapa commenta la notizia relativa all’ufficializzazione del gruppo di lavoro nazionale sulla moria del Kiwi: “Sono soddisfatto per l’istituzione del gruppo nazionale sulla moria del Kiwi. Nelle scorse settimane avevo chiesto di vedere riconosciuto il lavoro svolto in questi anni dal Piemonte su un tema cosi importante come la moria del Kiwi. Con la nomina, nel gruppo nazionale, dei tre esperti proposti dalla regione Piemonte, di cui uno anche nel ruolo di coordinatore nazionale, si prende atto dell’ampio lavoro di squadra fatto in Piemonte. Ricordo infatti che dal 2016 è stato istituito un gruppo che vede lavorare insieme il nostro settore regionale Fitosanitario, con la Fondazione Agrion, con Crea e Disafa. Gruppo che sta già lavorando anche ad un nuovo progetto, Kiris, che guarda agli aspetti fisiologici all’origine della moria”.

“Siamo dunque convinti – prosegue l’assessore Protopapa - di poter dare un contributo costruttivo e di sostanza al tavolo nazionale che permetterà così a tutti i territori interessati da questa problematica di poter condividere i risultati e le ricerche fin qui svolte. Speriamo davvero che questo sia un altro passo importante al servizio dei nostri agricoltori piemontesi, affinché si possano mettere in campo tutte le azioni necessarie per ridurre il più possibile la moria del kiwi che in Piemonte ha portato, dal 2017 al 2019, all’estirpazione di altri 1000 ettari di superficie coltivata a Kiwi. Dobbiamo invertire questa tendenza e salvaguardare questa importante produzione”.

Fonte: Regione Piemonte


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: