eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
30 giugno-1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

venerdì 15 maggio 2020


Maltempo al Sud, danni in Puglia e Sicilia

Milioni di euro di danni a frutteti e vigneti devastati dall’improvvisa ondata di maltempo che con bufere di vento ha colpito la Puglia mentre in Sicilia i frutti non maturano e cadono dagli alberi per il caldo eccezionale che sta favorendo la diffusione degli incendi. E’ l’allarme della Coldiretti sulle anomalie climatiche della Penisola in un 2020 che si classifica come il più bollente dal 1800 con temperature superiori di 1,52 gradi rispetto alla media. 

"In Puglia – sottolinea la Coldiretti – trombe d'aria con raffiche di vento oltre i 25 nodi si sono abbattute in provincia di Bari, strappando le ciliegie dagli alberi (vedi foto in apertura) e spazzando teloni e tralci dei vigneti di uva da tavola con milioni di euro di danni". 
"La Sicilia – continua la Coldiretti - è stata investita da una ondata di calore senza precedenti che ha causato la 'cascola', ovvero la caduta dei frutti di mandorle, pere e susine, ancora troppo piccoli per resistere al caldo con temperature oltre i 40 gradi. Nell’ Isola mancano oltre 61 milioni di metri cubi di acqua rispetto allo scorso anno e – spiega la Coldiretti - il fuoco alimentato anche dallo scirocco che porta aria rovente sta bruciando ettari di campi nel Palermitano".

"E mentre il Sud è sferzato da fiamme e temperature roventi, al nord – sottolinea la Coldiretti – si fanno i conti con la magra dei fiumi: in Emilia Romagna il Secchia è sceso sotto al minimo storico, toccando una portata di soli 2,57 metri cubi al secondo e anche gli altri fiumi della regione dal Savio al Taro fino al Trebbia registrano portate sono più che dimezzate rispetto alla media storica come anche il grande fiume Po nel cui bacino viene prodotto 1/3 del Made in Italy agroalimentare".

"Una situazione che mette in pericolo le forniture alimentari alle famiglie italiane in piena emergenza coronavirus – continua la Coldiretti – con fiumi e invasi a secco nel momento in cui le colture hanno bisogno di acqua per svilupparsi. Siamo di fronte alle evidenti conseguenze dei cambiamenti climatici anche in Italia dove l’eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma, con una tendenza alla tropicalizzazione che – conclude la Coldiretti – si manifesta con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, con sbalzi termici significativi che compromettono le coltivazioni nei campi con costi per oltre 14 miliardi di euro in un decennio, tra perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne".

Fonte: Ufficio stampa Coldiretti


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: