eventi
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
EIMA
Bologna
19-23 Ottobre 2021
TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

martedì 13 luglio 2021


Frutta secca, il podio dei prodotti più amati

Qual è la frutta secca più consumata degli italiani? Una domanda che gli addetti ai lavori si pongono spesso e alla quale risponde con precisione l'ultimo studio Ismea, basato sulle statistiche della banca dati Consumer Panel di Nielsen: la noce è il prodotto preferito, seguito mandorle e arachidi in seconda e terza posizione. 

La noce, nel 2020 – anno dello scoppio della pandemia – ha aggregato infatti circa il 32% degli acquisti in valore della categoria e il 42% in termini di quantità. La mandorla si ferma invece alle quote del 21% in valore e del 16% in volume. Anche se occorre rilevare come gli acquisti di questo prodotto abbiano registrato una forte crescita, prossima al 20%, rispetto al 2019. Infine, sul terzo gradino del podio si posiziona - come appena detto - l'arachide che ha generato circa il 12% del giro d'affari della categoria, per una quota in volume pari al 19% del totale. 



In base ai dati Nielsen, “noci, arachidi e mandorle concentrano il 62% della spesa e il 73% degli acquisti in quantità di frutta a guscio”, sottolinea l'Ismea che sinterizza così il trend dei consumi relativo al 2020: “Si è registrato l’aumento degli acquisti di frutta a guscio del +5,6% La spesa è cresciuta dell’8,6% sostenuta dall’aumento del prezzo medio (+2,8%) del mix di prodotti che compone la categoria della frutta a guscio". 



Per quanto riguarda gli altri prodotti, lo studio rileva un deciso aumento degli acquisti di nocciole (+25%) e castagne (+27%) che pesano rispettivamente per il 7% ed il 3% della spesa della categoria. 

"Nel 2020, rispetto all’anno precedente, sono aumentati gli acquisti in quantità di mandorle, nocciole, castagne e anacardi – fa sapere Ismea – Per quanto concerne i prezzi medi al dettaglio, gli incrementi più consistenti hanno interessato noci e pinoli. Di contro, le castagne e le mandorle hanno registrato un lieve decremento del prezzo medio".




La ricerca Ismea offre anche una panoramica sulla dimensione e la struttura della filiera produttiva italiana, sul binomio tra prezzi all’origine e costi produttivi e sul ruolo che il gioca il nostro Paese nello scacchiere globale del mercato della frutta secca. L’Italia – si legge – è il quinto maggiore importatore mondiale e il decimo esportatore mondiale. Siamo un Paese importatore netto di frutta secca, dal momento che abbiamo generato un saldo commerciale negativo di 745 milioni di euro nel 2020. 

I nostri maggiori mercati di approvvigionamento sono gli Usa per mandorle, noci e pistacchi; la Turchia per nocciole; il Cile per le noci e la Spagna per le mandorle. I principali mercati di sbocco dell’Italia, conclude lo studio, sono invece quelli dell’Unione europea. La Germania, da sola, assorbe circa il 29% delle nostre esportazioni di frutta secca per un valore di 195 milioni di euro nel 2020. Segue la Francia con 134 milioni di euro, ossia un quinto dell’export nazionale. 



Copyright 2021 Italiafruit News
 


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: