eventi
FIERAGRICOLA 
Verona
2-5 Marzo 2022
FRUIT LOGISTICA 
Berlino,
5-7 Aprile 2022
MACFRUT 
Rimini,
4-6 Maggio 2022
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
BIOFACH 
Norimberga,
26-29 Luglio 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022

leggi tutto

lunedì 8 novembre 2021


Pera Emilia Romagna Igp, si accelera sul rilancio

Un pubblico numerosissimo, in piazza Castello a Ferrara, ha potuto assaggiare sabato 6 novembre le otto varietà di pere che si fregiano dell’Igp Pera dell’Emilia Romagna: Abate Fetel, Decana del Comizio, Conference, Williams, Max Red Bartlett, Kaiser, Santa Maria e Carmen, in occasione dell’evento “Gusta le differenze” inserito nel programma “L’Europa firma i prodotti dei suoi territori”, che rientra nella campagna “Enjoy. It’s from Europe”, sostenuta dall’Unione Europea a favore dei prodotti agricoli europei di alta qualità. 

L’appuntamento, promosso da Cso Italy e dal suo presidente Paolo Bruni, è stato un grande successo, confermando il buon feeling tra il consumatore e un frutto che ha tante caratteristiche positive ma che deve essere sostenuto da iniziative mirate per conquistare le posizioni di mercato che gli competono.

L’evento è servito anche ad illustrare la Pera dell’Emilia Romagna Igp, oggetto di recenti iniziative di rilancio a 360 gradi: innanzitutto la creazione della "Aop Pera”, che in brevissimo tempo ha visto sottoscritto il suo protocollo da aziende che rappresentano oltre il 60% della produzione regionale, un progetto finanziato dalla Regione per 120 mila euro nel 2021 e per 2,2 milioni di euro per il 2022, con l’obiettivo di raddoppiare la produzione certificata; non meno importante lo sviluppo di una ricerca finalizzata alla messa a punto di avanzate biotecnologie per la difesa della produzione, in particolare per il contrasto della maculatura bruna.

Soddisfatto il presidente Paolo Bruni: “Con questa manifestazione abbiamo dimostrato le potenzialità enormi della pera Igp dell’Emilia Romagna, una vocazione di grande orgoglio per gli emiliano-romagnoli e i cittadini di Ferrara perché siamo leader nel mondo in questo settore, producendo la nostra regione, nelle province di Ferrara, Bologna e Modena, il 70% delle pere italiane ed essendo l’Italia primo produttore in Europa”.
Con Bruni sono intervenuti il direttore della Clinica medica dell’Università di Ferrara, Roberto Manfredini, e il professor Liborio Trotta dell’Istituto Vergani Navarra. “La pera - ha ricordato il professor Manfredini - ha caratteristiche positive sia dal punto di vista organolettico che chimico, caratteristiche che le valgono una posizione nel mantenimento della buona salute. La pera sviluppa nell’organismo un’azione benefica, in generale per i suoi effetti anti-infiammatori, la sua funzione anti-tumorale e il suo contrasto ai calcoli renali”.

Trotta è entrato nel merito dell’utilizzo della pera in cucina. “Abbiamo presentato - ha riferito il docente - tre varietà di pere in tre diverse preparazioni: in un primo, un classico cappellaccio ferrarese, e due dolci, fornendo un esempio della versatilità della pera in cucina. La pera si presta a tutto. La si può usare dall’antipasto al dolce ottenendo ottimi risultati”.

Dopo annate produttive e commerciali non positive, le condizioni ci sono per un rilancio a tutto campo di una produzione frutticola tra le più importanti del nostro Paese, con ricadute economiche rilevanti proprio in Emilia Romagna. Da qui il progetto Aop Pera è partito e qui iniziative come quella di piazza Castello rilanciano con orgoglio il legame tra una produzione tipica e la gente del territorio dove viene coltivata.

Fonte: Pera dell'Emilia Romagna Igp


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: