eventi
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

giovedì 28 aprile 2016


«Sciopero per la Terra» a fine maggio

Applicare ed estendere le clausole di salvaguardia nelle importazioni di prodotti agricoli, definire nuove regole per il commercio a tutela del made in Italy e nuove misure contro l'indebitamento delle aziende agricole. Sono queste le "richieste urgenti" che il Movimento Riscatto – una associazione nazionale non riconosciuta di agricoltori, cittadini e sindaci che da alcuni mesi ha preso piede in oltre 200 comuni di Basilicata, Puglia e Sicilia – ha fatto al governo e alle Regioni in occasione della giornata di sensibilizzazione allo "Sciopero per la Terra", in programma dal 24 al 26 maggio prossimi.

Ieri il Movimento ha organizzato a Matera e a Messina presidi di trattori con azioni di volantinaggio e di distribuzione di prodotti ortofrutticoli, ma anche conferenze stampa per divulgare i valori dello "Sciopero per la Terra". E' stata proposta, in particolare, la predisposizione di una "nuova riforma agraria che contribuisca a ridare senso al lavoro della terra assicurando reddito alle aziende, diritti al lavoro, tutela ambientale, sicurezza alimentare e prezzo giusto ai cittadini".

Con questa mobilitazione il nuovo movimento agricolo, che a fine febbraio aveva presentato al Ministero delle Politiche agricole una serie di richieste per rilanciare l'agricoltura, si aspetta ora di ricevere nel breve termine delle risposte da parte delle istituzioni.



Copyright 2016 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: