eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

giovedì 20 febbraio 2020


«Basta demonizzare il glisofate, si può usare»

E' auspicabile che la politica a cominciare da chi governa la nostra Regione adesso abbandoni atteggiamenti fondati sulle presunzioni e si affidi alle certificazioni elaborate dalla scienza e eviti, finalmente e definitivamente, ai nostri agricoltori di usare un erbicida efficace e non pericoloso per la salute delle persone come il glisofate” così il presidente di Confagricoltura Toscana, Marco Neri, lancia il proprio appello alla Regione Toscana. “E' di qualche giorno fa - ricorda Neri - lo studio dell'Epa ( Environmental protection agency), cioè l’agenzia statunitense per la tutela dell’ambiente, sul glisofate che elimina in maniera definitiva ogni pre-giudizio e ogni dubbio sulla pericolosità di questa sostanza. Sarebbe quindi utile che anche chi ha il diritto-dovere di prendere decisioni politiche ne tragga le dovute conseguenze”.

“L’agenzia Usa - continua Marco Neri - ha infatti precisato che non vi sono motivi di preoccupazione quanto a rischi di tipo alimentare per alcun segmento della popolazione, neanche seguendo le ipotesi più prudenziali applicate nelle valutazioni. E non si tratta di un giudizio estemporaneo ma di rilevazioni scientifiche che già avevano trovato riscontro negli studi dell’Efsa (l’Autorità europea per la sicurezza alimentare), dalla Bfr (l’Agenzia per la sicurezza alimentare tedesca) e delle Autorità canadesi per la salute (Health Canada). C'è cioè una comunità scientifica internazionale che in luoghi e tempi diversi ha fatto studi che hanno prodotto tutti lo stesso identico risultato sulla non pericolosità del Glisofate. Di questo ora c'è solo da prendere atto”. 

“Sarebbe quindi utile che anche le istituzioni pubbliche nazionali e regionali – conclude Neri – , prima di ricorrere alla demonizzazione di alcune modalità produttive, affrontino le questioni in maniera razionale così da impostare le proprie decisioni al rispetto degli studi prodotti dalla comunità scientifica internazionale”.

Fonte: Ufficio stampa Confagricoltura Toscana


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: