eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
30 giugno-1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

venerdì 13 marzo 2020


«Supermercati sotto pressione»

Incrementi delle vendite imponenti, soprattutto nelle medie strutture di vendita, personale sotto stress: l’emergenza coronavirus svuota le strade ma riempie i supermercati. E tra i prodotti più gettonati ci sono frutta e verdura. “E’ come essere alla vigilia di Natale - spiega la presidente di Fida Confcommercio, Donatella Prampolini - la gente prende d’assalto in particolare i punti vendita tra i 400 e gli 800 metri quadri, considerandoli probabilmente i più idonei a non rischiare la ressa ed il contatto ravvicinato con altre  persone. Ci sono negozi che hanno aumentato i volumi  del 130-140% nei momenti di picco. La gente fa la scorta per una settimana, compra tutto nello stesso negozio. Non è una situazione facile: a ormai tre settimane dall’inizio della crisi il sistema è sotto pressione, il personale sta facendo un lavoro straordinario, a contatto continuo con le persone, ma è numericamente insufficiente anche a causa delle inevitabili assenze per malattia, per reggere questi ritmi ancora a lungo”.  



Ieri, all’indomani del Dpcm che impone ulteriori limiti alla circolazione e consente l'apertura solo alle realtà che commercializzano generi di prima necessità, la responsabile Fida ha notato già dalle prime ore del mattino accessi ai punti vendita alimentari eccezionali. “L’aumento di fatturato, rispetto alla norma si attesta circa attorno al 40% ed è determinato per la maggior parte dall'aumento della spesa media”. Mentre i punti vendita che offrono il servizio di consegna a domicilio, "hanno registrato aumenti del volume d'affari superiori al 70% e - puntualizza - al momento riescono a garantire le consegne due-tre volte a settimana”.

“Si vende tutto e di tutto, l’ortofrutta tira, a partire dagli agrumi”, conclude Prampolini. “Difficile fare previsioni per i prossimi giorni: noi ci auguriamo con tutto il cuore di tornare quanto prima alla normalità. Nel frattempo, ricordiamo che il problema di rimanere senza cibo non c'è: speriamo che tutti si adeguino a questa nuova modalità di fare la spesa. Se ognuno fa la sua parte, sarà tutto più semplice”.

Copyright 2020 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Gdo

Altri articoli che potrebbero interessarti: