eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

venerdì 26 febbraio 2021


Nasce la task force contro il virus ToBRFV

Prendono il via i lavori della task force siciliana per tenere sotto controllo l’emergenza Tomato Brown Rugose Fruit Virus (ToBRFV). Malattia da virus che, a distanza di soli due anni dalla data del primo rilevamento nell’isola, si è diffusa in maniera spropositata nelle serre di pomodoro da mensa delle province di Ragusa, Siracusa, Caltanissetta ed Agrigento. 

La Regione Sicilia, attraverso la misura 16.2 del Psr, finanzierà interamente un progetto pilota per la creazione di una rete di micro-laboratori all’interno di vivai e aziende agricole. Strutture di analisi e diagnosi che saranno “collegate” in remoto con il Laboratorio di Virologia vegetale dell’Università di Palermo. Ad annunciare in anteprima la notizia a Italiafruit News è Walter Davino, professore di Patologia vegetale presso lo stesso Ateneo palermitano. 

“Il nostro obiettivo è quello di tracciare la filiera del pomodoro, partendo dal seme per arrivare al campo. In questo modo potremo riuscire a comprendere dove nascono le criticità legate al ToBRFV e quindi dove è opportuno intervenire”, sottolinea il professore.



Al progetto pilota - chiamato “LabLoop” - aderiscono cinque aziende vivaistiche e una Organizzazione di produttori. “A loro forniremo un kit e una macchinetta per fare le analisi di laboratorio. I nostri ricercatori formeranno i tecnici delle imprese per l’utilizzo della strumentazione. Mentre dal Laboratorio dell’Università potremo monitorare in tempo reale tutti i dati raccolti, senza la necessità di doverci muovere fisicamente. In pratica, seguiremo passo dopo passo i vivai e l’Op in tutte le loro operazioni”.

L’idea alla base di LabLoop è lo sviluppo di un modello da imitare, esportabile in tutta la filiera, per controllare l'andamento epidemiologico del ToBRFV. “Abbiamo già fatto le prime prove nel vivaio capofila del progetto - aggiunge Davino - e, ora, stiamo aspettando i documenti dalla Regione Sicilia per poter costruire i micro-laboratori in tutte e sei le aziende. La rete di analisi dovrebbe entrare a regime per la prossima campagna estiva del pomodoro. Il nostro progetto è aperto anche ad altre realtà vivaistiche e produttive che volessero partecipare, previo l’acquisto della strumentazione necessaria”.



“La diffusione del ToBRFV nelle serre di pomodoro da mensa sta diventando sempre più allarmante. E’ ovvio che, quando ci si trova davanti a un problema di questa rilevanza, occorre intervenire per contenere quanto possibile l’epidemia. Le uniche armi che abbiamo oggi sono la tracciabilità e le misure di profilassi, in attesa che la ricerca genetica possa trovare varietà resistenti e/o quantomeno tolleranti”.

In base ai dati raccolti dal team di ricerca del prof Davino, una piantina di pomodoro con ToBRFV può arrivare ad infettare fino al 70% delle coltivazioni della serra nel giro di soli tre mesi. La malattia, inoltre, può portare le piante infette a limitare i volumi di raccolta fino al 30-40% rispetto agli standard. Numeri pesanti che impongono azioni mirate e tempestive. Non c’è più tempo da perdere. 

Copyright 2021 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: