eventi
BIOFACH 
Norimberga,
26-29 Luglio 2022
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

mercoledì 19 giugno 2013


CONFAGRICOLTURA: PIU’ DI UNA POLIZZA ASSICURATIVA SU TRE ATTIENE AL SETTORE ORTOFRUTTICOLO. NOVITA’ CON LA RIFORMA DELLA PAC

"Quello ortofrutticolo è il primo comparto in valore della produzione agricola nazionale ed è fondamentale come si gestisce il rischio. Infatti il 37% circa del valore delle polizze assicuratIve attiene al settore ortofrutticolo; non è un caso, visto che è particolarmente esposto alla volatilità dei prezzi e dei mercati. A breve, con la riforma della Politica agricola comune, si prevedono molte novità per gli strumenti della gestione del rischio che saranno tutti finanziati nell'ambito ‘secondo pilastro' dello sviluppo rurale". Lo ha sottolineato il presidente della Federazione Nazionale di Prodotto (FNP) frutticola di Confagricoltura, Giorgio Tusini, nel corso di un seminario promosso a Roma dalla stessa Confagricoltura per trattare il tema dei nuovi strumenti di gestione del rischio previsti dalla riforma della PAC.
L'incontro, riservato ad una selezionata platea di addetti ai lavori, è stato concepito per fare il punto sull'evoluzione della normativa comunitaria relativa alle nuove forme di assicurazione agevolata e sulle modalità di istituzione e funzionamento dei fondi mutualistici, al fine di verificare il grado di coerenza di questi nuovi strumenti con le reali necessità delle imprese. Il tutto con interessanti contributi di Ismea (Roberto D'Auria e Giovanni Razeto) e dell'Università di Napoli (Fabian Capitanio).
"E' soprattutto importante seguire - ha dichiarato il componente di Giunta di Confagricoltura con delega all'organizzazione economica, Nicola Cilento - l'evoluzione della normativa a Bruxelles e comprenderne i riflessi e le possibili prospettive dell'assicurazione agevolata, dei fondi mutualistici e di come questi strumenti possono essere utilizzati dagli agricoltori anche nell'ambito del mondo associativo di settore che organizza il prodotto. L'obiettivo è definire il quadro degli strumenti a disposizione delle imprese per salvaguardare il loro reddito".

Fonte: Confagricoltura


Altri articoli che potrebbero interessarti: